Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "per saperne si più"

Stampa

Storia e territorio

 
altavilla s
Altavilla Stemma
Altavilla Silentina è un comune di circa 7.000 abitanti della provincia di Salerno. Situata su una collina a 275 metri s.l.m., gode di una vista panoramica che spazia dall'isola di Capri, comprende la costiera amalfitana e copre tutta la parte centro-nord della Piana del Sele, infatti è circondata da importanti centri turistici: Paestum, Grotte di Pertosa e di Castelcivita, Contursi Terme, Costiera Amalfitana e Cilentana. Il territorio comunale è situato parte in pianura e parte in collina ed è bagnato dal fiume Calore Salernitano. L’attività prevalente è l’agricoltura, favorita dalla dolcezza del clima.
Storia locale
Il  territorio  di Altavilla  è stato  abitato  fin dalla  preistoria  ma la storia dell'attuale borgo è cominciato nella seconda metà del secolo XI, quando i Normanni edificarono il paese a forma triangolare cingendolo di mura con delle porte d'ingresso. Fondatore del borgo medioevale è considerato Roberto il Guiscardo, della casata francese degli Hauteville, da  cui  prende il nome  il paese. Nel  9 settembre 1862, per  distinguerla dalle  altre  città  con  lo stesso nome, fu definitivamente adottato il nome di Altavilla "Silentina", perché situata tra i due fiumi Sele e Alento.
Di  particolare  interesse:  il  Castello  (del XI secolo), che  sovrasta  l'abitato e il Convento di San Francesco (costruito nel 1425) dove sono conservate due tele di Francesco Solimene.
 castello
Il Castello risalente al periodo dei Sanseverino
 
 
 
convento2
Convento S. Francesco, vero gioiello di arte barocca
 
Aspetti economici
In passato, la diffusa produzione di pomodori, ha dato origine alle fabbriche di trasformazione del prodotto stesso, subentrando al tabacchificio e la sua coltura. Recentemente, sono sorti sul territorio numerosi caseifici che ne hanno incrementato l’aspetto economico. Per la trasformazione delle olive, prodotto tipico del posto, esistono diversi frantoi e un solo mulino per la macina del grano. La zona industriale è situata nella contrada di Borgo Carillia. Sul territorio sono inoltre presenti numerosi laboratori artigianali ed aziende agricole che si caratterizzano soprattutto per l’allevamento bufalino. Fa da sfondo all’economia altavillese la Banca di Credito Cooperativo, con sede centrale nella località di Cerrelli e con uno sportello nel capoluogo.

Le foto di una volta...

via roma
Piazza
via Roma
Piazza
storia convento
storia castello
Convento S. Francesco
Panorama