Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "per saperne si più"

Stampa

Indicatori standard

 Dall'anno scolastico 2008/2009, nella scuola Primaria e nella scuola Secondaria di primo grado, la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni, la certificazione delle competenze da essi acquisite, nonché la valutazione dell'esame finale del ciclo sono effettuate mediante l'attribuzione di voti numerici espressi in decimi e riportati anche in lettere.

Dall'anno scolastico 2008/2009, nella scuola Primaria e nella scuola Secondaria di primo grado, la valutazione periodica ed annuale degli apprendimenti degli alunni, la certificazione delle competenze da essi acquisite, nonché la valutazione dell'esame finale del ciclo sono effettuate mediante l'attribuzione di voti numerici espressi in decimi e riportati anche in lettere. Sono esenti dalla valutazione numerica il comportamento alla Scuola Primaria e la Religione Cattolica in entrambi gli ordini di scuola. Per effetto del D.P.R n.275/99, e segnatamente degli art.3, 4 e 6, tutti gli aspetti dell’attività didattica, compresa la valutazione, sono attribuiti all’autonomia delle istituzioni scolastiche. Il Collegio dei docenti dell’I.C. di Altavilla Silentina, al fine di ottenere omogeneità nelle valutazioni disciplinari e di rendere trasparente l’azione valutativa della Scuola, ha inteso applicare la legge 169 del 2008, concordando ed adottando una griglia di valutazione (legata a quadri descrittivi), in cui vengono esplicitate le conoscenze, le abilità e le competenze disciplinari corrispondenti ai diversi voti numerici. L’espressione dei voti in decimi tiene conto, oltre che del grado di apprendimento delle conoscenze-abilità anche dei seguenti ulteriori criteri:

  • l’impegno manifestato dall’alunno;
  • grado di progresso registrato rispetto alla situazione di partenza;
  • livello di prestazione raggiunta rispetto alle potenzialità personali.

I docenti inoltre, considerando la delicatezza del momento valutativo degli alunni di Scuola Primaria, concordano nel non attribuire loro voti inferiori al cinque, mirando a promuovere maggiormente l’autostima e la fiducia in sé, mentre per gli alunni delle classi della scuola Secondaria di primo grado viene introdotto il voto quattro, soprattutto in virtù di una maggiore maturazione degli alunni.

GRIGLIE DI VALUTAZIONE

SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Monoennio (classe I)

(classi I e II)

I biennio (classe II e III)

classe III

II biennio (classe IV e V)

 

COMPORTAMENTO